sergio-zingarelli-gran-selezione-docg

Chianti Classico Gran Selezione Docg Sergio Zingarelli

Il vino del mese, News

Prodotto con uve Sangiovese 100% cloni selezionati nella zona di produzione del Chianti Classico, le uve provengono dal vigneto Le Terrazze della tenuta Le Macìe a Castellina in Chianti (Siena). Dopo 10 giorni di fermentazione alcolica e 18 di macerazione post-fermentativa sulle bucce, il vino svolge la fermentazione malolattica in cemento. Affinamento in piccole botti da 25 hl di rovere francese Troncais per almeno 18 mesi a cui segue una permanenza in bottiglia per minimo 20 mesi.

Caratteristiche organolettiche

Di colore rosso rubino intenso con profumo fruttato, intenso e persistente e leggere note speziate.

Il sapore è fruttato, caldo e avvolgente con ottimo equilibrio gustativo, tannini setosi ed eleganti.

Si tratta di un vino adatto per un lungo invecchiamento, e per accompagnare piatti elaborati a base di carne, ma anche da gustare da solo per apprezzarne al meglio le sue qualità. Servire a una temperatura di circa 16-18 °C.

La gradazione alcolica e di 14,0% vol.

 

Rocca delle Macìe nasce nel 1973, quando Italo Zingarelli, il produttore cinematografico di “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola, e anche della fortunatissima serie di film con la coppia Bud Spencer e Terence Hill (tra cui “Lo chiamavano Trinità” e “Continuavano a chiamarlo Trinità”), decise di coronare il sogno della sua vita acquistando la tenuta “Le Macìe” – 93 ettari di cui solo due coltivati a vigneto – per dare vita ad un’azienda vitivinicola nel cuore del Chianti Classico.

L’amore e la passione per la terra toscana vengono tramandate da Italo ai figli Sergio, Sandra e Fabio. Nel 1985, infatti, Sergio inizia a lavorare con il padre e dal 1989, affiancato dalla moglie Daniela, assume la guida dell’azienda. Da allora, Sergio, in collaborazione anche con la sorella Sandra, consolida e sviluppa l’azienda paterna imponendola definitivamente all’attenzione mondiale con vini che ottengono numerosi riconoscimenti sia in Italia sia all’estero.

La famiglia dispone di circa 500 ettari, di cui oltre 200 coltivati a vigneto e circa 22 ad oliveto, suddivisi tra le sei tenute di proprietà: Le Macìe, Sant’Alfonso, Riserva di Fizzano e le Tavolelle nella zona del Chianti Classico, Campomaccione e Casamaria in Maremma nella zona del Morellino di Scansano.

 

La tenuta Le Macìe è ancora oggi il cuore dell’azienda, dove hanno sede gli uffici e le cantine. È composta da 93 ettari di cui circa 31 coltivati a vigneto, per la quasi totalità Sangiovese con alcuni appezzamenti di Cabernet Sauvignon, Merlot e Colorino. Qui è possibile ammirare alcuni dei più bei vigneti dell’azienda dove sono stati effettuati imponenti lavori di reimpianto con particolare attenzione allo studio dei terreni e all’equilibrio idrico e geologico per riuscire ad ottenere la migliore qualità nel rispetto dell’ambiente.

 

Rubrica a cura di Stefania Guernieri

Seguici anche sui social: FacebooktwitterlinkedintumblrmailFacebooktwitterlinkedintumblrmailby feather Grazie!

Lascia un commento

*