frittelle-foto-roberta-capanni-jpeg

Febbraio? Frittelle di riso!

La ricetta del mese

FRITTELLE DI RISO

Per la ricetta del mese ecco le immancabili frittele di riso che si preparano per San Giuseppe, festa del papà, una tradizione che si trova in particolare nel centro Italia. Una tradizione antica che ancora oggi pasticcerie e forni ripropongono a partire dai primi di febbraio.
Le frittele si fanno con il riso e l’aggiunta di uvetta poi c’è chi le arricchisce riempiendole di crema o con il cioccolato.
In realtà le frittelle sono buone anche in semplicità calde ma “si fanno mangiare” anche fredde quando lo zucchero esterno è stato incorporato. Ecco allora la ricetta classica.

Ingredienti
400 g di latte intero
1 bustina di lievito se non siete pratici con il lievito madre (in tal caso 80 g di pasta madre ben rinfrescata)
100 g di riso non parboiled perché deve cuocere bene
70 g di farina 00 biologica
60 g di uvetta di quella buona
80 g di zucchero semolato
50 g di succo di arancia
3 cucchiai di Vin Santo
20 g di burro
3 uova
arancia e di limone (attenzione che siano edibili)
1 bacca di vaniglia
un pizzico di sale
un pizzico di cannella
olio di semi per fritti leggeri di buona qualità

Prima di tutto far cuocere il riso nel latte con la metà dello zucchero, la scorza dell’arancia e del limone (che poi toglierete), il burro, il pizzico di sale. Fate attenzione che non si attacchi e per questo è meglio usare un tegame antiaderente. Se il liquido non dovesse bastare a finire la cottura scaldare un altro po’ di latte con acqua aggiungendo 1 cucchino di zucchero.
Intanto mettete a bagno l’uvetta nel vin Santo
Quando il riso è ben cotto mettetelo in una ciotola e fatelo raffreddare.
Se usate la pasta madre fatela sciogliere con il succo di arancia altrimenti scioglieteci la bustina di lievito. Aggiungete al riso freddato insieme allo zucchero rimasto, la farina, le uova leggermente sbattute.
Strizzate l’uvetta e aggiungerla all’impasto insieme alla cannella e ai semi di vaniglia. Girare bene e mettere in frigorifero a riposare per 12 ore. Potrete usare l’impasto necessario via via che serve visto che si mantiene qualche giorno.
Prima di friggere tenete un po’ fuori dal frigorifero. Scaldate l’olio da frittura in un tegame alto perché le frittelle devono “galleggiare”. Preparate un vassoio con della carta da fritti e uno con lo zucchero semolato.
Aiutandovi con un cucchiaio quando la temperatura dell’olio sarà ottimale ( 170° circa) mettete l’impasto. Vedrete che le vostre frittelle si gonfieranno subito cuocetele brevemente e scolatele con la schiumarola mettendole prima nella carta da fritti per poi rotolarle nell’ zucchero semolato.
Fatto!

Ricetta di GustarViaggiando

Seguici anche sui social: FacebooktwitterlinkedintumblrmailFacebooktwitterlinkedintumblrmailby feather Grazie!

Lascia un commento

*