Traditional Piemontese dish, Italy

Mangiare il tartufo? Perché no, magari con le uova fritte, che bontà

News
Traditional Piemontese dish, Italy
Traditional Tuscany dish, Italy
typical Italian pasta with truffle slices and parmesan cheese
typical Italian pasta with truffle slices and parmesan cheese

E’ tempo di tartufi, le sagre e le fiere sono sospese, ma è possibile rintracciare qualche commerciante e trovare così anche un piccolo tartufo.

Questa è una ricetta semplice, al pari delle tagliatelle o tagliolini al tartufo.

Stavolta a scendere in campo uno degli alimenti più preziosi:

L’UOVO

Le uova fritte al tartufo bianco sono la reinterpretazione di un piatto semplice che diventa in poche mosse un piatto pregiato e raffinato, appetitoso e profumato.

Per realizzare le uova al tartufo bastano pochi accorgimenti, uno di questi è la cottura dell’uovo che deve avere l’albume ben cotto e il tuorlo morbido e cremoso, anche se qui i gusti personali la fanno da padrone.

Scaldate la padella, ma non troppo, sciogliere il burro oppure usare olio extravergine di oliva, utilizzare uova fresche a temperatura ambiente e usare un coperchio di vetro per tenere sotto controllo la cottura. Unire il tartufo alla fine solo quando le uova sono pronte, portare a tavola direttamente le padelline con le uova oppure trasferire su piatti leggermente scaldati al microonde.

E ora la ricetta.

Preparazione:
5 Minuti
Cottura:
5 Minuti
Difficoltà:
Bassa
Porzioni:
1 persona
Costo:
Medio
Ingredienti
2 Uova
Burro (una noce)
Tartufo bianco
Sale
Pepe

I consigli sulla preparazione:

Per preparare le uova fritte al tartufo ricordatevi che le uova devono essere a temperatura ambiente, quindi se le tenete in frigorifero tiratele fuori almeno 2 ore prima.

Il tartufo, pulitelo con uno spazzolino morbido, e affettatelo sottilmente.

Come accompagnamento vi consigliamo fette di pane casereccio leggermente tostate.

Anche per le preparazioni dei primi piatti al tartufo occorre semplicità.

L’ingrediente principale è il tartufo, in questo caso bianco.

Un ultimo consiglio: diffidate i condimenti o oli al tartufo. sono trattati in modo non naturale.

a cura redazione Arga Toscana.

Fonte: GialloZafferano.it, Manuali di Cucina.

Seguici anche sui social: FacebooktwitterlinkedintumblrmailFacebooktwitterlinkedintumblrmailby feather Grazie!

Lascia un commento

*