trattore

Sono ventimila coloro che cercano un nuovo lavoro in agricoltura tra cui un terzo donne

Agricoltura, News

AGRICOLTURA

I 20 mila italiani che cercano nelle campagne un (nuovo) lavoro. Di Michelangelo Borrillo.

 

C’è chi lavorava al bar. Che non ha riaperto. Chi studiava. Ma adesso è senza lezioni. Chi, semplicemente, era già disoccupato prima del Covid-19. Hanno saputo che, volendo lavorare, nei campi c’è spazio, perché quest’anno mancano 200mila braccianti, in gran parte stranieri, impossibilitati a tornare in Italia a causa delle restrizioni nella mobilità dovute al coronavirus.

E così più di 20mila italiani, braccia più braccia meno, si sono registrati sulle banche dati delle principali organizzazioni agricole.

Che proprio per fronteggiare la carenza di manodopera, ad aprile hanno creato delle piattaforme per incrociare l’offerta di lavoro delle aziende e la domanda degli aspiranti operai agricoli.

La prima, il 7 aprile, è stata Confagricoltura: in poco più di un mese alla piattaforma Agrijob sono arrivate 17 mila domande, 12 mila circa di italiani.

Il 18 aprile anche Coldiretti ha lanciato la sua banca dati: a Jobincountry si sono iscritti in 10mila circa, quasi 9mila italiani.

Il 24 aprile è partita anche la Cia con la piattaforma Lavora con agricoltori italiani (inteso come aziende agricole): in due settimane sono arrivate 2.500 domande, 2mila circa di italiani.

Qualcuno aspetta risposte, altri dopo due giorni hanno cambiato idea, ma in tanti ora raccolgono frutta e verdura.

Fonte: Articolo Michelangelo Borrillo

 

Seguici anche sui social: FacebooktwitterlinkedintumblrmailFacebooktwitterlinkedintumblrmailby feather Grazie!

Lascia un commento

*