notte-disabella-immagine

A Cerreto Guidi nella Notte d’Isabella la gastronomia dei Medici per la 2a Festa di Arga Toscana

Agroalimentare, Enogastronomia, News, Territorio

Un’osteria a ogni angolo del paese. Un vero e proprio festival gastronomico a cielo aperto. E’ quanto avviene in occasione della Notte d’Isabella a Cerreto Guidi, in provincia di Firenze, sabato 1 luglio e domenica 2.

La cittadina dalla caratteristica conformazione circolare, oggi nota per i suoi vini di pregio, ha nella monumentale Villa Medicea, tra le più belle d’Italia, la sua attrazione. E’ il luogo dove, tra misteri, sospetti e intrighi di corte, si consumarono gli ultimi attimi della vita di Isabella de’ Medici, figlia di Cosimo I de’ Medici, Granduca di Toscana.
Tutto si trasforma per due giorni, e le ventimila persone attese, si troveranno immerse in una manifestazione dove i figuranti interagiscono con i visitatori assistendo a spettacoli, spesso unici in un’atmosfera magica lunga più di un chilometro. In tanti sono attratti dalle proposte gastronomiche che le locande e le osterie propongono dove, ai cibi caldi ed elaborati, si alternano le proposte di street food mediceo.
Alla Locanda del Duca sarà possibile assaggiare tra le altre proposte, Lazaniette del giardino segreto, Grano Turco e funghi, pasticcio di Angelica e Melissa, Impicchiapotte alla fiorentina e agresto, Corona del Granduca, Pollastri abborracciati e armati di pere, Frittelle di vento, Biancomangiare. Con Acqua di fonte, e vino rosso del Granducato. All’Osteria del Papero, collo di papero e cipolle, papero e cinghiale, Il tutto accompagnato da un buon vino. Tradizionalmente il papero veniva cucinato dalla massaia di casa al termine della battitura del grano e il papero era l’animale di pregio dell’aia del contadino. La presenza del cinghiale è legata ad una tradizione, ancora molto viva, che risale al fatto che il Montalbano ne è zona di caccia sin dalla realizzazione da parte della famiglia de’ Medici della prima bandita di caccia. La locanda di Porta Caracosta propone Panino dì Buttero, Panino di Troilo, Panino di Isabella, Piatto del boia (trippa, zampa e lampredotto), Trippa all’uccelletta, Trippa del Cerro, Trittico Mediceo (tris di trippe), Panino al lampredotto, e Ì Fiorino. L’Osteria dei Calcianti, offre Birra del Contado, Pane con lampredotto, Pane e coscio di porco, Pane e porco sbriciolato. L’Osteria de’ Cacciatori de lo Palagio, servirà Minestra di pane, Pan cotto coi pomi d’oro, Gran piatto di Caccia del Podestà, Panino con lo porco arrostito e col lampredotto. La Contrada Santa Maria al Pozzolo,  Pane e porco, Panino mediceo, bomboloni e sangria, la locanda del palio, pan con lo porco e vino; mentre all’Acqua ardente… del Savonarola sarà distribuito vino speziato.

notte-disabella-immagine

La proposta gastronomica si alterna alla rievocazione storica e ha come luogo privilegiato la bella scalinata progettata da Bernardo Buontalenti che conduce alla villa Medicea.

Inaugurazione e taglio del nastro con le autorità sabato 1 luglio 2017 alle 17,30.
Ingresso e servizio navetta gratuito, organizzazione a cura dell’Associazione CCN Buontalenti con il patrocinio del Comune di Cerreto Guidi e della Regione Toscana, in la collaborazione con le associazioni del territorio.
Nell’occasione, sabato 1 luglio si terrà la seconda edizione della Festa annuale di Arga Toscana, i giornalisti specializzati nell’agroalimentare.
Info: www.lanottedisabella.it lanottedisabella@gmail.com

Seguici anche sui social: Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmailby feather Grazie!

Lascia un commento

*